Con i materiali che oggi sono a nostra disposizione si possono veramente cambiare l’aspetto del sorriso di una persona con l’indiscutibile vantaggio che ciò comporta anche a livello psicologico e sociale.

E’ pero fondamentale un approccio globale al viso del paziente EVITANDO di standardizzare i risultati estetici in modo da rendere quanto più individuale possibile le linee del sorriso armonizzandole con lo spessore delle labbra il tono degli orbicolari, il colore e la quantità di gengiva esposta e quant’altro.

Ecco il motivo per cui presso il mio studio professionale prima di intraprendere un trattamento con faccette estetiche viene sempre eseguita una ceratura diagnostica sul calco in gesso del paziente in modo da prevedere  il risultato finale.

Una volta accettata la terapia, inoltre, il passaggio inevitabile attraverso la fase dei provvisori ci permette di modificare ancora l’effetto finale effettuando eventuali variazioni dell’estetica dei provvisori in resina prevedendo “de visu”il risultato finale.

Il lavoro è completato solo QUANDO il paziente e il sottoscritto siamo d’accordo sul perfetto equilibrio del risultato finale.

Le faccette estetiche non servono solo per “schiarire “ permanentemente un sorriso e renderlo accattivante, ma ci permettono di correggere anche imperfezioni nell’inclinazione dei denti o diastemi (vedi sezione faccette ed ortodonzia); nascondere o rendere meno “invadenti” problematiche parodontali (vedi sezione faccette e parodonto)

Molto interessante è, poi, la possibilità di giocare sul croma della cementazione, usando cementi fluidi di vari colori, per aumentare o diminuire il valore del colore finale del manufatto protesico in sito.

Esempi di faccette

  1. Esempio
Faccette Estetiche
Faccette Estetiche
Faccette Estetiche
Faccette Estetiche

 

Esempio 2

Faccette Estetiche
Faccette Estetiche
Share by: